Crea sito

Chakra Archive

avatar
0

digiKam Software Collection 4.2.0 disponibile per il download

E’ disponibile la nuova versione 4.2.0 di digiKam noto software per la gestione, editing e condivisione delle immagini digitali in KDE.

digiKam in KDE
digiKam è software open source nato per fornire un completo gestore ed editor d’immagini per desktop environment KDE. Disponibile anche per Microsoft Windows, digiKam supporta i più diffusi formati di immagini digitali compreso anche RAW, dispone di strumenti in grado di gestire al meglio le nostro immagini grazie al supporto per tag / etichette Exif, Makernotes, Iptc, Xmp, possiamo anche inserire commenti, voti ecce alle immagini per facilitarne la ricerca. digiKam include anche utili strumenti per l’editor delle immagini come ad esempio modifica colore, luminosità, livelli ecc, rimuovere occhi rossi, ritaglio, ridimensionamento e vari effetti come bordi, testo, distorsioni ecc.
Lo sviluppo di digiKam sta rendendo sempre più completo e funzionale l’avanzato gestore di immagini open source, proprio in questi giorni è stata rilasciata la nuova versione 4.2.0 la quale aggiunge alcune nuove features.

Continua a leggere…

Read More…

avatar
0

#News – KDE SC 4.13.3 in Chakra Stable

Anche durante l’estate il team di Chakra Project mantiene costantemente aggiornata la distribuzione, arriva a luglio l’aggiornamento a KDE SC 4.13.3


Il terzo aggiornamento della serie 4.13 della piattaforma di sviluppo e delle applicazioni sviluppati da KDE è disponibile oggi anche nel repository stable di Chakra.

Questo aggiornamento si concentra su un affinamento delle traduzioni ed alla correzione di oltre 50 bug i quali includono miglioramenti per:

  • Suite Kontact
  • Umbrello UMK Modeller
  • Il browser Konqueror
  • Il file manager Dolphin
  • Le funzionalità di ricerca del Desktop

Questo spostamento comprende tra le altre cose phonon 4.7.2 ed octopi 0.4.2, notare che octopi è ora suddiviso in due pacchetti: octopi e octopi-notifier, gli utenti che vorranno usufruire delle notifiche di aggiornamento, dovranno quindi installare il relativo pacchetto separatamente.

Dovrebbe essere sicuro rispondere “sì” a qualsiasi domanda di sostituzione proposta da Octopi o Pacman. In caso di dubbi o problemi, chiedete pure sul forum o segnalate il bug.

Come sempre assicuratevi che i mirror siano completamente sincronizzati prima di procedere all’aggiornamento.

Per verificare la sincronizzazione dei mirror lanciate da konsole il comando

mirror-check
Oppure utilizzate l’applicazione mirror-check presente nella categoria applicazioni “Internet”.

Buon aggiornamento!

Read More…

avatar
0

#KDE INSIDE – Plasma 5.0, tra Design e Funzionalità

Il team di KDE annuncia orgogliosamente il tanto atteso rilascio di Plasma 5.0, un aggiornamento funzionale e visivo che promette comunque di non sconvolgere l’esperienza utente.



Plasma 5 si veste di nuovo, il tema Breeze disponibile nelle varianti chiara e scura, introduce una grafica più moderna e pulita favorendo una migliore leggibilità dei contenuti, un netto miglioramento per l’esperienza visiva dell’utente.


Il tema Breeze appena nato e quindi in fase di sviluppo, accoglie l’utente in un ambiente maggiormente contrastato rispetto ad Oxygen, rendendo meglio riconoscibili tutti gli elementi dell’interfaccia che assumono al contempo un aspetto più flat.


Breeze è definito ad oggi un artwork concept, sarà dunque ampiamente soggetto a miglioramenti futuri. Il tema per il workspace è attualmente disponibile, in sviluppo invece il tema per i widgets e le nuove icone.


Il passaggio ad un ambiente di lavoro completamente vestito da Breeze sarà graduale, Plasma 5.0 rappresenta solo l’inizio sotto questo aspetto.


Maggiore coerenza di tutto l’ambiente desktop, i widgets sono caratterizzati da un solo schema di interazione, un filo conduttore, un tema che resta il comune denominatore di tutti gli elementi rendendoli componenti con propria dignità ma comunque parte di un solo e riconoscibile mosaico.

Una metamorfosi che coinvolge tutti gli elementi dell’ambiente, dalle notifiche alla selezione dei workspace, dall’interfaccia di gestione delle opzioni desktop alla schermata Lock Screen.

Migliorato il supporto per display ad alta risoluzione, forse non sono attualmente largamente diffusi ma si tratta sicuramente di una mossa che consente a KDE di fare un balzo nel futuro. Gli elementi dell’interfaccia sono utilizzabili in maniera più agevole e naturale su schermi high-DPI come i display Retina.


Kwin sfrutta ora appieno le potenzialità di OpenGl ed OpenGL ES, il che dovrebbe tradursi in un visibile aumento di prestazioni rispetto a KDE SC 4, dovuto ad un drastico taglio al carico computazionale gravante sulla CPU grazie ad una migliore allocazione dei task sulla GPU.


Una spinta sarà fornita anche allo sviluppo grazie alla maggiore efficienza e semplicità di KDE Frameworks 5.


L’interfaccia è ora in grado di plasmarsi (consentitemi il termine) opportunamente in funzione del device sul quale è montata. La funzione di cui parliamo è denominata Convergence Shell e consentirà di poter usufruire della precisione del vostro fidato mouse ma di apprezzare anche la naturalezza di un gesto su uno schermo touch di un tablet, il tutto con un sistema coerente e funzionale.

Convergenza dunque, ma sviluppata in maniera intelligente il cui obbiettivo finale sarà una User Interface che si modelli dinamicamente sotto gli occhi dell’utente alla semplice connessione di una tastiera al proprio dispositivo touch per fare un esempio.


Si tratta in effetti di una vera e propria evoluzione del paradigma desktop come lo conosciamo oggi, un adattamento coerente per dispositivi quali tablet e media center è in pieno sviluppo mentre scrivo queste righe, nel frattempo potremo ampiamente familiarizzare con le gradite novità di Plasma 5.0.


Restyling anche per i lanciatori, reso graficamente più moderno e più funzionale il lanciatore di default Kickoff, sviluppato inoltre un nuovo lanciatore chiamato Kicker e una nuova interfaccia per KRunner basata su QtQuick.

Riorganizzata l’area di notifica, meno finestre popup e transizioni più rapide regalano una migliore coerenza visiva e non distraggono inutilmente l’utente.



Non tutte le funzionalità della serie 4.x sono disponibili ad oggi in Plasma 5.0, sicuramente ci saranno bug alcuni dei quali noti e segnalati.


Plasma 5.0 è tuttavia un progetto molto ambizioso e talmente ampio da rendere fisiologica la presenza di problemi nelle primissime release, la promessa del team comunque è di fornire aggiornamenti e bugfix mensili per portare un ambiente usabile quotidianamente e completamente funzionale entro l’autunno 2014.


Plasma 5.0 ha un grandissimo potenziale, che va tuttavia pazientemente coltivato, scoperto e costruito giorno per giorno, a fornire un aiuto in questi termini sono anche gli utenti che decideranno di testare il rilascio fornendo preziose indicazioni al team di sviluppo.


Il modo più semplice per testare l’ultimo rilascio di Plasma 5.0 è attraverso la ISO del progetto Neon 5 mantenuto direttamente dai developer KDE.

Volendo approfondire ulteriormente le novità di Plasma 5.0, gli strumenti per testarlo e per segnalare eventuali bug, consultate la pagina dell’annuncio ufficiale.


Tuttavia immagino sui volti dei curiosi lettori delinearsi un’espressione interrogativa:


“Chakra Linux, cosa farà?”


Ad oggi non è chiaro quanto sarà fatto, per ora pare sia in fase di assemblaggio una ISO basata su Plasma Next per testarlo su Chakra Linux.

Per quanto riguarda il repository Stable spero vivamente che veda l’ingresso di Plasma 5.x quando sarà pronto per essere accolto con tutti gli onori che merita dagli utenti,


voi come sempre, state connessi.

Read More…

avatar
0

Velocizzare KDE utilizzando la RAM come Cache

In questa guida vedremo come rendere più veloce e reattivo KDE semplicemente utilizzando la RAM come Cache dell’ambiente desktop.

KDE
Gli ultimi aggiornamenti di KDE hanno introdotto moltissime migliorie non solo riguardanti le applicazioni e Plasma ma anche sotto il cofano rendendo il desktop environment “K” più veloce e reattivo. E’ possibile inoltre velocizzare KDE in vari modi ad esempio basta disattivare alcuni effetti come ad esempio le miniature nel pannello ecc per rendere più reattivo l’ambiente desktop. Possiamo velocizzare KDE operando anche sulla Cache sia delle applicazioni che dell’intero ambiente desktop, ecco come fare.

Continua a leggere…

Read More…

avatar
0

#News – KDE Software Compilation 4.13.2 disponibile nel repository stable

Prosegue il lavoro dei developer di Chakra Linux ed ecco giungere nel repository stable il nuovo aggiornamento di mantenimento di KDE SC, vi lascio la notizia ufficiale.


Il secondo aggiornamento della serie 4.13 della piattaforma di sviluppo e delle applicazioni sviluppati da KDE è disponibile ora nei repository stable di chakra. In questo rilascio kde-workspace è stato aggiornato alla versione 4.11.10.


Scopo di questo rilascio è l’aggiornamento delle traduzioni e la correzione dei bug, con oltre 40 bug corretti. Secondo l’annuncio ufficiale questi “includono miglioramenti alla suite di gestione delle informazioni personali Kontact, a Umbrello, la funzionalità di ricerca del desktop, a Konqueror e a Dolphin”. Inoltre ci sono importanti correzioni per Kopete, che può gestire le chiamate vocali in modo migliore in più client e uscire più velocemente con il plugin delle statistiche abilitato.

Inoltre troverete:

  • Una patch di sicurezza per Kmail
  • Aggiornamenti a gcc 4.9, glibc 2.19, boost 1.55 e Qt 5.3
  • binutils, che rimpiazza binutils-multilib se quest’ultimo è installato
Non dovrebbe creare problemi rispondere si ad ogni domanda di sotituzione fatta da pacman o da Octopi. Se avete dubbi o incontrate altri problemi, riportateli sul nostro forum o sul bugtracker.


Come al solito, assicuratevi di avere i repository sincronizzati prima di aggiornare, per verificarlo, eseguite in una konsole:


mirror-check


oppure usate l’applicazione mirror-check che trovate nella categoria “Internet” nel menu Avviatore di applicazioni.


Buon aggiornamento a tutti!

Read More…

avatar
0

Lo sviluppo di QupZilla il completo browser Qt per Linux

QupZilla è un browser che sta riscontrando un notevole successo da parte degli utenti Linux indicandolo come la migliore alternativa a Firefox e Chrome / Chromium.

Qupzilla
Lo sviluppo dei famosi browser Chrome / Firefox sta portando notevoli discussioni da parte degli user Linux e non solo. In Mozilla Firefox è approdata la nuova UI Australis, la quale sembra non essere molto apprezzata da un certo numero di utenti, gli ultimi aggiornamenti di Google Chrome / Chromium hanno detto addio ai plugin di terze parti facendo cosi migrare diversi utenti in QupZilla, browser open source leggero e completo di molte funzionalità incluse nei browser di Mozilla, Google e Opera.
QupZilla è un web browser basato su QtWebKit, leggero e veloce con integrate moltissime feature oltre ad un’ottimo gestore dei segnalibri, in completo feed reader, il supporto per gli script GreaseMonkey, la modalità incognito, SpeedDial ecc.

Continua a leggere…

Read More…

avatar
0

Disponibile il nuovo KDE Software Compilation 4.13.2

E’ disponibile il nuovo KDE SC 4.13.2: nuovo aggiornamento di mantenimento che corregge circa 40 bug.

KDE SC 4.13.
In concomitanza con il rilascio della Release Candidate d Linux Mint 17 KDE e del nuovo Kernel Linux 3.15 i developer del K Desktop Environment hanno annunciato il rilascio di KDE SC 4.13.2, secondo aggiornamento di mantenimento dedicato all’attuale versione stabile 4.13.x che non include nessuna novità ma semplicemente corregge circa 40 bug riscontrati in Plasma e nelle applicazioni della suite. Da notare inoltre che KDE Software Compilation 4.13.2 include l’aggiornamento a Plasma Workspaces alla versione 4.11.10, tra i vari bug corretti troviamo risolto il problema riguardante il desktop semantico Baloo che dava problemi durante la ricerca all’interno del file manager Dolphin, in kdelibs troviamo introdotta l’opzione per includere i colori predefiniti nel widget KDE Color Selector.

Continua a leggere…

Read More…

avatar
0

KDE: come condividere la connessione WiFi

Un questa semplice guida vedremo come creare un Hotspot WiFi con KDE / Kubuntu per condividere la nostra connessione via Wireless.

KDE
Gran parte personal computer, smartphone, tablet ecc dispongono di un modulo Wireless che ci consente di connetterci facilmente ad internet oppure accedere ad un rete locale ecc. Se disponiamo di una connessione internet mobile (ad esempio con internet key) oppure una connessione via Lan possiamo condividerla utilizzando il nostro modulo WiFi creando cosi un Hotspot WiFi. Dopo aver visto come creare un Hotspot con Ubuntu, oggi vedremo come crearlo con KDE / Kubuntu Linux grazie a Plasma Network Manager.

Continua a leggere…

Read More…

avatar
0

Chakra GNU/Linux 2014.05

Chakra Chakra è una distribuzione Linux basata su Arch Linux incentrata pienamente sul desktop manager KDE e che offre le applicazioni GTK+ come pacchetti bundle indipendenti. E’ basata su un modello di rilascio semi continuo: alterna rilasci continui alle applicazioni, mentre il core rimane congelato per 6 mesi. Versione 2014.05: “Curie” Questa versione contiene: kernel […]

Related posts:

  1. Chakra GNU/Linux 2014.02 “Curie” Chakra Chakra è una distribuzione Linux basata su Arch Linux…
  2. Chakra GNU/Linux 2013.05 Chakra è una distribuzione Linux basata su Arch Linux incentrata…
  3. Chakra GNU/Linux 2013.09 “Fritz” Chakra Chakra è una distribuzione Linux basata su Arch Linux…

Read More…

avatar
0

#News – Rilasciata Chakra-2014.05-Descartes

Giornata ricca di novità quella di oggi, dopo l’annuncio dell’arrivo di KDE SC 4.13.1 nel repository stable, si continua con il tanto atteso annuncio della nuova iso, gustatevi la notizia ufficiale.


La squadra del progetto Chakra è lieta di annunciare il primo rilascio della serie Descartes di Chakra, che seguirà la versione 4.13 di KDE Software Compilation.


Siamo entusiasti di includere il nuovo artwork realizzato da Malcer, chiamato Sirius. L’intera esperienza d’uso di Chakra è stata migliorata in ogni dettaglio, dal tema di GRUB a quello del desktop.


Inoltre, nel frattempo Chakra si è spostata su un nuovo server. Questa scelta ha avuto un enorme impatto sui nostri utenti e anche sulla nostra infrastruttura interna. È stato fatto un grande lavoro per migliorare i nostri strumenti, che ora sono più funzionali e più facili da mantenere. Il nostro di sistema di compilazione ha ricevuto diversi miglioramenti e i nostri repository sono pronti per Akabei, il nuovo gestore di pacchetti che abbiamo intenzione di introdurre nel prossimo futuro.


Inoltre, grazie alla collaborazione della squadra del progetto Chakra con arnt (autore di Octopi, una GUI per pacman), siamo lieti di annunciare che il fork che abbiamo usato finora, Oktopi, è stato fuso con l’ultima versione di Octopi. Di questo beneficieranno i nostri utenti, dal momento che avvarranno gli ultimi miglioramenti implementati dagli sviluppatori di Octopi.


Questo nuovo rilascio include alcune migliorie così come nuove funzionalità e aggiornamenti:


KDE Software Compilation
Chakra fornisce l’ultima versione stabile fornita da KDE, la 4.13.1. Nella serie 4.13, Nepomuk è stato sostituito da Baloo. In Chakra abbiamo implementato la patch che permette all’utente di disabilitare Baloo, ma vi suggeriamo di tenerlo abilitato. Se riscontrate problemi con le impostazioni predefinite vi preghiamo di segnalarceli.


Strumenti di Chakra
I nostri strumenti sono completamente tradotti in più di 30 lingue, grazie al fantastico lavoro fatto dai nostri utenti sutransifex.


Artwork
  • Il nuovo logo di Chakra.
  • Il nuovo tema predefinito “Sirius” per GRUB, KDM, KSplash e un nuovo sfondo per il desktop.

Driver
  • Nvidia 331.38
  • Catalyst 13.12
  • xf86-video-nouveau 1.0.10
  • xf86-video-ati 7.2.0
  • xf86-video-intel 2.21.15
  • mesa 10.0.5

Tenete presente che il pacchetto catalyst-legacy è stato tolto dai repository perché non supporta il nuovo X server. Si consiglia di usare il driver open (xf86-video-ati) che ora fornisce un supporto migliore per le schede che avevano bisogno dei driver legacy.


Pacchetti base
  • kernel 3.12.15
  • xorg-server 1.14.5
  • systemd 212

Nuove applicazioni aggiunge in modo predefinito
  • octopi
  • kcm-pacman-repoeditor, che è d’aiuto per modificare i repository da Impostazioni di Sistema.
  • kcm-about-distro, che può essere anche trovato sotto Impostazioni di Sistema e mostra un breve sommario del vostro sistema .
  • Kup, una semplice e potente soluzione per il backup, che usa rsync e/o bup per realizzare sia backup incrementali che sincronizzati.
  • kcalc

Il repository Extra, disabilitato di default, fornisce le applicazioni must che usano le GTK insieme alle dipendenze. Per abilitarlo usate il modulo kcm presente in Impostazioni di Sistema (kcm-pacman-repoeditor) oppure octopi. Le istruzioni per effettuare manualmente questo cambiamento le potete trovare in questa guida passo-passo.

Tenete ben presente che Tribe, allo stato attuale non supporta ufficialmente UEFI, RAID, LVM e GPT, anche se potete trovare alcuni workaround nel nostro forum.


Per creare un supporto di installazione affidabile, si consiglia di seguire le istruzioni del wiki. Le ISO di Chakra non supportano Unetbootin e i DVD devono essere masterizzati a velocità non superiore a 4x.


Il lavoro del team del Chakra Project prosegue senza sosta e la distribuzione migliora e si evolve di giorno in giorno, ancora molti sviluppi ci attendono all’orizzonte, godetevi questa nuova strepitosa release ed allacciate le cinture, il viaggio continua.

Read More…

avatar
0

Chakra 2014.05 Descartes disponibile per il download

Il team Chakra ha rilasciato la nuova 2014.05 “Descartes”, versione che porta con il nuovo KDE Software Compilation 4.13, il nuovo artwork Sirius e molto altro ancora.

Chakra 2014.05 Descartes
A circa un mese dal rilascio di KDE 4.13, approda la nuova versione 2014.05 Descartes di Chakra, nota distribuzione che ci consente di avere un desktop environment KDE “puro” sempre aggiornato con la possibilità di aggiungere applicazioni GTK+ grazie ai repository Extra. Chakra 2014.05 Descartes porta con se numerosi aggiornamenti, il principale è sicuramente il nuovo KDE 4.13.x con il nuovo desktop semantico Baloo con la possibilità di poterlo disattivare facilmente tramite una patch dedicata,, aggiornato anche il Kernel Linux alla versione 3.12.15 con X.org 1.14.5 e Systemd 212 oltre ai driver proprietari Nvidia 331.38 e AMD Catalyst 13.12.

Continua a leggere…

Read More…

avatar
0

Rilasciata Chakra 2014.05 "Descartes"

Il team di Chakra ha annunciato il tanto atteso rilascio di Chakra 2014.05 “Descartes”, la nuova versione della tanto amata (e a volte discussa) distro KDE centrica.
Fra le caratteristiche principali di questa nuova versione troviamo l’aggiornamento a KDE 4.13.x ed un nuovo artwork chiamato Sirius, realizzato dal noto autore di temi Malcer (che ricordiamo sopratutto per il tema Caledonia).

Ma vediamo di scoprire tutte le novità:

  • KDE 4.13.x 
  • Chakra Tools 
  • Nuovo artwork Sirius
  • Nvidia 331.38
  • Catalyst 13.12
  • xf86-video-nouveau 1.0.10
  • xf86-video-ati 7.2.0
  • xf86-video-intel 2.21.15 
  • mesa 10.0.5
  • kernel 3.12.15 
  • xorg-server 1.14.5 
  • systemd 212 
  • octopi
  • kcm-pacman-repoeditor che ci consente di editare i repository pacman tramite le impostazionei di sistema
  • kcm-about-distro, un tool presente nelle impostazioni di sistema che ci mostra un sommario del sistema 
  • Kup, un potente strumento di backup che consente i backup incrementali 
  • kcalc
L’extra repository, che contiene le applicazioni GTK, è disabilitato per default: per abilitarlo occorre utilizzare kcm-pacman-repoeditor o octopi (a questo indirizzo troverete le istruzioni passo passo su come fare).
La nota negativa di questo rilascio è che Tribe, l’installer di Chakra, non supporta ancora ufficialmente UEFI, RAID, LVM e GPT (alcune soluzioni sono presenti sul forum).
Potete scaricare Chakra 2014.05 all’indirizzo http://chakraos.org/home/?get (purtroppo soltanto nella versione a 64bit).

Read More…

avatar
0

#News – KDE Software Compilation 4.13.1 disponibile nel repository stable

Giunge nel repository stable di Chakra Linux l’ultima fatica del team KDE SC che instancabile ci offre il primissimo aggiornamento di mantenimento per il ramo 4.13, vi riporto nel seguito la notizia ufficiale, buona lettura.


Il primo aggiornamento della serie 4.13 della piattaforma di sviluppo e delle applicazioni sviluppati da KDE è disponibile ora nei repository stable di chakra.


Scopo di questo rilascio è l’aggiornamento delle traduzioni e la correzione dei bug, con oltre 50 bug corretti. Secondo l’annuncio ufficiale questi “includono miglioramenti alla suite di gestione delle informazioni personali Kontact, a Umbrello, la funzionalità di ricerca del desktop, a Konqueror e a Dolphin.”


Inoltre troverete:


  • Un nuovo artwork chiamato “Sirius”, che sarà fornito con l’imminente ISO, insieme ai nuovi temi per GRUB, KDM, KSplash, Yakuake e a nuovi sfondi per il desktop


  • Octopi, una GUI per pacman che rimpiazzerà il nostro precedente fork chiamato oktopi, poiché le nostre modifiche sono state aggiunte ad octopi



  • La suite Calligra alla versione 2.8.3


  • LibreOffice alla versione 4.2.4


Due nuovi moduli kcm che una volta installati troverete in Impostazioni di sistema, kcm-pacman-repoeditor per modificare i repository di pacman e kcm-about-distro che fornisce un breve sommario del vostro sistema
diversi pacchetti aggiornati e correzioni di bug.

Come al solito, assicuratevi di avere i repository sincronizzati prima di aggiornare, per verificarlo, eseguite in una konsole:


mirror-check


oppure usate l’applicazione mirror-check che trovate nella categoria “Internet” nel menu Avviatore di applicazioni.



Un aggiornamento davvero sostanzioso questo giro, seguite le istruzioni ed aggiornate senza timori, dovrebbe trattarsi di un passaggio assolutamente privo di complicazioni, naturalmente un ringraziamento al team di Chakra Linux sempre pronto a regalarci una distribuzione stabile ed aggiornata.


Read More…

avatar
0

Chakra, KDE e La Ricerca Estetica

Semplici riflessioni di un utente “non addetto ai lavori” sullo sviluppo prettamente estetico di Chakra e KDE.

Chakra Linux ed il suo ambiente desktop continuano nello sviluppo, una crescita a misura di utente che punta a non stravolgerne le abitudini ed i meccanismi ormai consolidati, ma piuttosto a rendere più semplice e gradevole l’uso del PC.


Chakra e KDE procedono tuttavia oltre a modifiche invisibili alla vista per migliorare performance e gestione delle risorse, anche alla ricerca di una nuova identità estetica.


Chakra vedrà l’introduzione del nuovo tema creato da Malcer: Sirius, di cui abbiamo già parlato ed il cui obbiettivo è fornire una nuova identità alla distribuzione, un ponte che possa interconnetterla con l’imminente Plasma Next.

Da qualche tempo sono in corso inoltre discussioni sul cambio del font proposto di default, altro aspetto interessante, la scelta di un font ben leggibile e magari affiancato da adeguate patch che possano migliorarne la resa può certamente essere vincente.


Se possibile ancora più complesso l’obbiettivo del team di KDE, la squadra è al lavoro per dare nuovo lustro all’ambiente desktop che nonostante la sua modernità, presenta dinanzi all’utente un aspetto a default che sente il peso degli anni.


Ecco che lo schema colori ed il tema icone divengono i protagonisti del make up del drago, si tratta di aspetti che nascondono complessità ben conosciute agli addetti ai lavori.


I nuovi schemi colori sembrano voler lasciare alle spalle il grigiore che da sempre caratterizza gli ambienti dei sistemi operativi più disparati. La scelta pare andare verso colori più chiari e tonalità maggiormente sature che oltre a presentare un innegabile impatto visivo, lasciano un retrogusto di pulizia, definizione e modernità.

Resta il dubbio che schemi colori tanto estremi possano in realtà risultare poco riposanti alla vista, lo scopriremo dopo qualche ora d’uso intenso.


Per quanto riguarda le icone, non si tratta semplicemente di creare un tema moderno, si tratta di mantenerlo “familiare” alla vista dell’utente che non resti dunque spiazzato dal nuovo look.

Non dimentichiamo inoltre l’ergonomia che deve caratterizzare il tema principale dell’ambiente desktop, le icone devono comunque risultare intuitive suggerendo la funzione che le caratterizza, converrete che non può essere un compito banale sposare il minimalismo che ormai invade l’estetica di qualsivoglia sistema operativo e la capacità di “espressione” delle rappresentazioni grafiche.


Eppure la squadra del draghetto pare stia riuscendo nell’impresa, dai primi sample trapelati in rete, si nota una generale semplificazione delle rappresentazioni, che nulla toglie alla “riconoscibilità” delle stesse, in particolare è notevole il  lavoro fatto sulle cartelle che in qualche modo strizzano l’occhio all’attuale tema Oxygen nella forma, nei colori, nelle figure stilizzate, tutti aspetti modificati, modernizzati e resi più gradevoli ma senza stravolgerli al punto da renderli non riconoscibili.


Il risultato per quanto sino ad ora mostrato, potrebbe essere un netto miglioramento generale dell’aspetto che mantenga comunqune un ambiente “confortevole” per l’utente, soprattutto quello più abitudinario.


E’ vero che peculiarità di KDE è l’essere completamente plasmabile nell’aspetto e nelle funzionalità, tuttavia acquista sempre maggiore importanza l’aspetto che viene posto dinanzi agli occhi dell’utente al primo avvio, in realtà per quanto possa apparire strano anche questo diviene talvolta terreno di valutazione in particolare da parte di nuovi utenti che forse poco conoscono i meandri delle terre del drago.


Il duro lavoro svolto dai team di Chakra e KDE potrebbe dunque regalare un aspetto più gradevole dell’ambiente di lavoro per l’utenza più esperta e semplicemente più confortante per l’utenza nuova che si avvicina per la prima volta alla distribuzione o comunque all’ambiente KDE.

Qualunque sia la tipologia di utenza di cui fate parte, spero che anche questi  miglioramenti estetici, contribuiscano a far crescere i fan di Chakra Linux.

Read More…

avatar
0

Rilasciato digiKam 4.0.0, le novità e come installarlo in Kubuntu Linux

In questo articolo vedremo le novità introdotte nel nuovo Digikam 4.0 e vedremo come installarlo in Kubuntu Linux.

Digikam 4.0.0 in Kubuntu 14.04 Trusty
In concomitanza con il rilascio di KDE 4.13.1 e KDE Plasma Next Beta 1 è approdato il nuovo Digikam 4.0, importante aggiornamento che rende sempre più stabile e funzionale il famoso strumento di gestione e modifica d’immagini digitali open source. Digikam è un software con il quale potremo gestire al meglio le note immagini digitali di qualsiasi formato (compreso il supporto per RAW), dispone inoltre di molti strumenti con i quali potremo editare al meglio ogni singola immagine. Digikam 4.0.0 corregge numerosi bug riscontrati nelle versioni precedenti, grazie al supporto per cpu multi-core le elaborazioni saranno più veloci soprattutto in immagini di grandi dimensioni.

Leggi il resto dell’articolo…

Read More…