Crea sito

Chrome Archive

avatar
0

La versione “dev” di Chrome è anche su Android

Google ha recentemente annunciato la disponibilità della versione “Dev” del browser Chrome anche su sistema operativo Android, un modo per testare i siti Web con l’ultimissima release del codice del progetto Chrome/Chromium e per fornire utili feedback a Google stessa.

Chrome Dev si scarica da Play e si installa come una App qualsiasi, ma quest’ultima potrà essere utilizzata con le altre versioni del browser Web (e soprattutto quella stabile) sullo stesso dispositivo. Mountain View promette di fornire accesso alle funzionalità più recenti di Chrome, anche se avverte che il test potrebbe essere tutto fuorché esente da problemi.

Come già …

The post La versione “dev” di Chrome è anche su Android appeared first on Edit.

Read More…

avatar
0

Google velocizza la trasmissione dei dati grazie a QUIC

Il colosso dell’advertising torna a parlare di QUIC, il nuovo protocollo di trasmissione dei dati su comunicazioni HTTP basato su pacchetti UDC invece che il solito standard TCP. Gli ultimi test prestazionali confermano: le connessioni gestite con QUIC sono sensibilmente più veloci.

L’utilizzo di QUIC si dimostra particolarmente proficuo nelle comunicazioni sensibili alla latenza, spiega Google, soprattutto quando entra in gioco la cifratura tramite certificati TLS. Tutto considerato la trasmissione dei pacchetti di dati tramite UDP/QUIC arriva a essere tre volte più veloce rispetto all’accoppiata TCP-TLS.

Il vantaggio principale di UDP, il protocollo alla base di QUIC, consiste …

The post Google velocizza la trasmissione dei dati grazie a QUIC appeared first on Edit.

Read More…

avatar
0

Chrome viene aggiornato alla versione 42.0.2311.47

Nuovo aggiornamento per Chrome. Novità nella versione 42.0.2311.47 • Naviga e cerca più velocemente. Accedi rapidamente alla Ricerca vocale e apri nuove schede dalla Visualizzazione odierna… Continua…

L’articolo Chrome viene aggiornato alla versione 42.0.2311.47 sembra essere il primo su .

Read More…

avatar
0

Chrome 42, plug-in NPAPI sempre più bloccati

Google ha rilasciato una nuova versione stabile del browser Chrome, una release che si segnala soprattutto per l’implementazione del blocco automatico del componenti aggiuntivi basati sulla tecnologia nota come Netscape Plugin Application Programming Interface (NPAPI).

L’interfaccia NPAPI risale agli albori del Web moderno, e Google ha già da tempo delineato il piano che intende seguire per eliminare in via definitiva il supporto a una tecnologia così arcaica sui browser di Rete.

La prima fase, implementata a gennaio su Chrome 40, consisteva nel bloccare l’esecuzione dei plug-in NPAPI dando però all’utente la possibilità di abilitarli in caso di …

The post Chrome 42, plug-in NPAPI sempre più bloccati appeared first on Edit.

Read More…

avatar
0

ARC Welder le app Android su PC

Grazie alla nuova estensione per Chrome denominata ARC Welder potremo avviare le applicazioni Android in Linux, Windows e Mac, ecco come fare…

Gli sviluppatori Google hanno deciso di rendere disponibili le applicazioni native per Android anche in Chrome OS e normali personal computer. Questa funzionalità consenterà agli utenti di poter utilizzare le proprie app preferite da qualsiasi dispositivo, funzionalità che sarà disponibile anche nelle future versioni di Ubuntu e in Windows 10. E’ già possibile avviare le applicazioni di Android su pc Linux, Windows e Mac grazie alla nuova estensione denominata ARC Welder con la quale potremo facilmente rendere avviabile in Chrome una normale app per Android.

Continua a leggere…

Read More…

avatar
0

Google rimuove le estensioni malevole per Chrome

L’azienda di Mountain View ha annunciato di aver eseguito un nuovo repulisti generale sullo store degli add-on per Chrome, browser Web che è anche alla base di un sistema operativo Internet-dipendente (Chrome OS) e che in alcuni casi fornisce più di una possibilità di business a malintenzionati e cyber-criminali.

In totale, Google sostiene di aver eliminato 192 estensioni classificabili come malevole dallo store di Chrome, un numero non particolarmente alto che però corrisponde a ben 14 milioni di utenti inconsapevoli che hanno installato gli add-on.

Le estensioni messe al bando erano in grado di inserire advertising indesiderato …

The post Google rimuove le estensioni malevole per Chrome appeared first on Edit.

Read More…

avatar
0

Firefox e Google Chrome chiudono ai siti cinesi: troppo pericolosi!

Chrome chiude alla navigazione dei siti cinesi; troppe falle, troppo pericolosi!

Forte decisione quella presa da Google che ha deciso di utilizzare il pugno di ferro con la China Internet Network Information Center (CNNIC).
Questo è l’ente che si occupa della gestione dei domini e degli indirizzi IP certificati nel grande paese asiatico, definito ormai non più affidabile dopo la scoperta di possibili falle in grado di attirare malintenzionati. Google ha così deciso che dalla prossima versione del suo browser Chrome migliaia di siti web non risulteranno più navigabili come prima, se non attraverso una miriade di messaggi di allerta che ci avviseranno del pericolo che corriamo nel visitare tali siti.

La faccenda non è tuttavia da inquadrare come una sola battaglia a due, a sostenere questa causa arriva quest’oggi anche Mozilla che annuncia simili provvedimentidal primo aprile, utilizzando anche il browser Firefox, riceveremo delle notifiche di pericolo qualora tentassimo di accedere ad uno dei siti certificati dalla CNNIC. Praticamente tutti quelli che cominciano con ‘https://’ e finiscono con ‘.cn’.
La CNNIC si è già espressa sulla decisione di Google affermando che la mossa è ‘inaccettabile e incomprensibile’, nessuna reazione è stata invece registrata oggi dopo le dichiarazioni di Mozilla. Se la cosa venisse confermata, la Cina dovrà fare i conti con un ovvio calo del traffico su questi siti, d’altronde Chrome possiede quasi il 50 percento di share e Mozilla Firefox, terzo browser, raccoglie circa il 16.9 percento delle quote di mercato, in mezzo Microsoft con il suo Internet Explore al 18 percento (dati Statcounter).

Cosa farà adesso MicrosoftSe il pericolo di attacchi ‘man-in-the-middle’ è reale anche la casa di Redmond dovrà prendere provvedimenti, chissà che i due giganti statunitensi (Google e Microsoft) non decidano di mettere da parte l’ascia di guerra e allearsi contro la ‘Cina digitale’…
Fonte
Da non Perdere

Ecco come migliorare in modo incredibile la leggibilità delle pagine Web utilizzando un’estensione per Chrome e Firefox



Read More…

avatar
0

Se la tua ADSL non funziona, scopri cosa non va e risolvi direttamente con Chrome !!

Chrome estensioneADSL non funziona? Scopri cosa non va e risolvi con Chrome.


Post Aggiornato.

Quando la ADSL non è in “forma” la nostra connessione ad Internet funziona ad intervalli e i siti che visitiamo di solito si aprono lentamente o ancora peggio, sono diventato irraggiungibili.

Se abbiamo provato a risolvere il problema controllando i vari dispositivi  e la configurazione di rete del computer senza riuscire a risolvere il problema, spesso non ci rimane che ricorrere al supporto tecnico offerto dal servizio clienti dei provider.

Da non Perdere: 

Ecco come migliorare in modo incredibile la leggibilità delle pagine Web utilizzando un’estensione per Chrome e Firefox.

Per non farci trovare impreparati alle domande dell’operatore del call center e spiegare al meglio l’errore relativo al disservizio, possiamo utilizzare un apposito plug-in di Google Chrome che ci consente di testare a fondo la connessione Internet e rilevare eventuali problemi sulla linea ADSL.
Vediamo come funziona e come utilizzarlo.

  1. Avviamo Google Chrome e colleghiamoci al Chrome Web Store per scaricare il plug-in Diagnostica della Connettività Chrome, il link per il download è disponibile nel box fondo pagina.
  2. Clicchiamo quindi su +, effettuiamo il login con il nostro account Google e premiamo Accedi, subito dopo premiamo su +GRATIS e confermiamo con Aggiungi. Chiudiamo la scheda, torniamo a quella aperta e premiamo Avvia.


Leggi anche: ublock per Chrome; e blocchi definitivamente la pubblicità invasiva e pericolosa sul browser.

■ A questo punto partirà il test della connessione; verrà eseguita per la nostra connessione Internet la batteria di test previsti dall’estensione. 
■ Questa operazione, molto accurata, può richiedere anche alcuni minuti e, una volta terminata, verrà visualizzato un messaggio che indica se è stato o meno rilevato qualche problema (tali problemi verranno indicati da un punto esclamativo rosso).
■ Per visualizzare i dettagli di ogni test fallito clicchiamo sulla voce corrispondente. Con un clic su Mostra i log possiamo accedere ad ulteriori informazioni da comunicare all’operatore. Per conoscere invece i test superati, clicchiamo sulla rotellina e scegliamo Mostra test superati.
■ In qualunque momento, anche senza aprire Chrome, possiamo eseguire una diagnostica della connessione. Basta fare doppio clic sull’icona Avvia applicazioni di Chrome sul Desktop (se abbiamo disconnesso l’account clicchiamo su Accedi ed effettuiamo il login) e clicchiamo su Diagnostica.

Nome: Diagnostica della Connettività Chrome
Sviluppatore: Chrome.Google.com
Prezzo: Gratis

Clicca per Scaricare e Installare

Da non Perdere:

Twerk; converte i migliori APK Android in estensioni/app per Chrome, da avere assolutamente!

Read More…

avatar
0

Cancellare cronologia iPad da Chrome (Guida)

Sei stufo che ogni tal volta tua moglie, i tuoi figli o peggio ancora i tuoi amici controllano cosa stavi cercando con il tuo iPad sbirciando la cronologia? Tranquillo, come…

The post Cancellare cronologia iPad da Chrome (Guida) appeared first on MobileOS.it.

Read More…

avatar
0

Google chiede aiuto a Microsoft per rendere Chrome ancora più funzionale.

Microsoft rende Chrome ancora più funzionale.

Quando utilizziamo il browser Chrome su un tablet Windows o su alcuni modelli di smartphone Android è facile verificare quanto siano modeste le prestazioni nello scorrimento delle pagine, soprattutto durante la fase del loro caricamento. Il supporto al touchscreen non è allo stesso livello di Internet Explorer o altri browser mobile e desktop, ma è un problema di cui Google è al corrente e che la società prevede di correggere nel prossimo futuro.

Leggi anche: Riduci l’utilizzo di dati con Risparmio dati di Chrome.

Ecco il motivo per cui Big G ha annunciato mercoledì  di aver pianificato l’introduzione dei Pointer Event su Chrome, uno standard che Microsoft già supporta da tempo sul suo Internet Explorer, così come anche Mozilla su Firefox e Opera. Google si è sempre mantenuta fedele ai Touch e Mouse Event, tecnologie che, secondo Rick Byers di Google, conducono alle prestazioni nello scrolling meno consistenti rispetto alle proposte concorrenti.

“Sostituendo tutti gli handler touch event con i pointer event affronteremo la principale fonte dei problemi nello scroll che vediamo su Android”. Novità che sperimenteremo in futuro non solo sugli smartphone, ma anche su tutte le versioni di Chrome con cui è prevista l’interazione attraverso touchscreen. Non si tratta di una feature che vedremo dall’oggi al domani tuttavia .

Google integrerà questa tecnologia in una versione beta del browser web nel prossimo futuro, ma sarà comunque necessario un periodo di prova consistente perché i Pointer Event diventino lo standard anche per il browser di Mountain View. È comunque interessante notare che nell’introduzione della feature, voluta a gran voce dalla community, ha avuto e avrà un ruolo indispensabile Microsoft.
“Jacob Rossi del team IE è stato particolarmente d’aiuto”, scrive Byers nel suo post, “permettendoci di capire la loro esperienza con i Touch Event e aiutandoci ad implementare i Pointer Event”.
Fonte

Da non Perdere:

Ecco come migliorare in modo incredibile la leggibilità delle pagine Web utilizzando un’estensione per Chrome e Firefox.

Read More…

avatar
0

Riduci l’utilizzo di dati con Risparmio dati di Chrome

L’importante estensione “risparmia dati” è disponibile al download anche per la versione desktop di Chrome.

L’interessante e molto utile funzione Risparmio dati è disponibile anche per la versione desktop di Chrome, a distanza di qualche mese dal rilascio da quella nella versione Android.  Al contrario di quest’ultima però è necessario installarla scaricando l’apposita estensione pubblicata nel Chrome Web Store.

Leggi anche:  The Great Suspender, sospende in automatico le schede non utilizzate per liberare le risorse di sistema su Chrome.

Al momento non fa parte delle impostazioni di default di Chrome. E’ ancora in fase beta, ma funziona alla grande e non sono stati evidenziati problemi da segnalare.
Risparmio dati  permette di ridurre in modo significativo la quantità di dati necessari per il completo caricamento di una pagina, anche se ci sono delle piccole limitazioni che Google sottolinea nella pagina di supporto. da cui un’estratto…

Riduzione dell’utilizzo di dati con Risparmio dati di Chrome

Grazie a Risparmio dati, puoi ridurre la quantità di dati utilizzata da Chrome sul tuo dispositivo mobile, computer o Chromebook.

Funzionamento di Risparmio dati

Quando utilizzi Risparmio dati, i server di Google riducono la quantità di dati scaricati durante la visita a una pagina web. La quantità di dati salvati dipende dal tipo di contenuti presenti sulla pagina. Le pagine protette (il cui URL inizia con https) e le pagine di navigazione in incognito vengono caricate senza risparmiare dati.
Con Risparmio dati attivo:
  • Alcuni siti web potrebbero non riuscire a stabilire con esattezza la tua posizione
  • Alcune immagini potrebbero essere leggermente sfocate
  • I siti web interni, ad esempio i siti intranet della tua azienda, potrebbero non essere caricati
  • Potresti riscontrare comportamenti imprevisti sui siti utilizzati dal tuo gestore di telefonia mobile per autenticarti e addebitarti costi. Ad esempio, potresti avere problemi a eseguire l’accesso sul sito web del tuo gestore di telefonia mobile.
Nome:  Data Saver (Beta)
Sviluppatore:  Google
Prezzo:  Gratis

Clicca per Scaricare

Da non Perdere: 

Twerk; converte i migliori APK Android in estensioni/app per Chrome, da avere assolutamente!

Read More…

avatar
0

Ecco come migliorare in modo incredibile la leggibilità delle pagine Web utilizzando un’estensione per Chrome e Firefox

plug-in che migliora la leggibilità delle pagine Web

Readability; grazie a questo plug-in di Chrome è possibile migliorare la leggibilità e l’aspetto delle pagine Web.

Ebbene si! Vogliamo visualizzare le pagine dei siti Internet senza tutti quegli elementi grafici che ne riducono le leggibilità, per migliorare la nostra esperienza di navigazione e leggibilità. Utilizzando l’estensione Readbility di Google Chrome possiamo “alleggerire” le pagine e aumentare anche la dimensione dei caratteri.

Leggi anche: ublock per Chrome; e blocchi definitivamente la pubblicità invasiva e pericolosa sul browser.

Procediamo così;

  • Apriamo il nostro browser preferito (Firefox o Google Chrome) e colleghiamoci al sito http://readability.com/addons.
  • Una volta aperta la pagina dell’estensione, per installarla clicchiamo sul pulsante Install Now e confermiamo con Aggiungi.
  • Fatto questo, apriamo nel browser la pagina  Web della quale ci interessa leggere solo in testo, ad esempio l’articolo di un quotidiano, e facciamo clic sull’icona di Readability posta accanto alla barra degli indirizzi. Nel menu che compare clicchiamo sulla voce Read Now.
  • A questo punto la pagina Web verrà elaborata in modo da aumentare e migliorare nettamente la leggibilità (verranno eliminati loghi, elementi grafici ecc). 
  • Per modificare l’aspetto della pagina clicchiamo sul pulsante Change the article appearance nella barra a sinistra e scegliamo la dimensione del carattere e il font. 

Da non Perdere: 

Ripulire il browser Chrome di estensioni e barre indesiderate con il tool ufficiale di Google.

Read More…

avatar
0

Marco’s Box I/O 2×01

La matrice di diodi laser più potente al mondo (3.2 Megawatt) è stata creata dal Lawrence Livermore National Laboratory [Gizmodo]
  • Il manifesto GNU compie 30 anni! [New Yorker]
  • Un errore di routing del traffico internet dal Texas alla Gran Bretagna ha fatto passare questo tramite la Russia e l’Ucraina per una settimana (incluso quello di diversi siti sensibili) [The Verge]
  • Google ha iniziato a mostrare agli utenti di Firefox avvisi che suggeriscono di cambiare il provider di ricerca predefinito [TechSpot
  • Microsoft sta puntando verso il freemium per creare un ecosistema concorrente ad Apple e a Google [The Verge]
  • Cosa c’è davvero dietro Mars One? [Medium]
  • Un sensore open hardware chiamato ColorHugALS permette di calibrare la retroilluminazione dei portatili in base alla quantità di luce ambientale [Phoronix]
  • Le persone sono pericolose alla guida, lasciamo guidare le automobili: così dice Elon Musk [The Verge]
  • Secondo una indagine, i candidati migliori per un posto di lavoro usano Chrome o Firefox, non Internet Explorer [Gizmodo]
  • La Cina ammette di avere delle squadre di hacker pronte per la “cyber warfare” [Gizmodo]

Read More…

avatar
0

Google Chrome accelera… di nuovo!

Quanto tempo passiamo a fissare lo schermo bianco in attesa che si carichi una pagina web richiesta al browser? Marja Hölttä e Daniel Vogelheim, Resident Loader Coders di Chromium, si sono posti questo problema decisi a trovare una soluzione. Nella più … Continua

L’articolo Google Chrome accelera… di nuovo! appare per la prima volta su Chimera Revo – News, guide e recensioni sul Mondo della tecnologia.

Read More…

avatar
0

Costruito partendo dal core di Firefox, Wyzo cerca di fidelizzarsi un’utenza senza grandi conoscenze informatiche.

Wyzo è una nuova compagnia e si presenta con due prodotti disponibili per il download: il browser Wyzo e Firetorrent.

Costruito partendo dal core di Firefox, Wyzo cerca di fidelizzarsi un’utenza senza grandi conoscenze informatiche che abbia voglia di navigare su Internet, guardare qualche video su Youtube, ammirare le gallerie di immagini su Flickr oppure scaricare qualche mp3 o dei semplici film in Divx tramite Bittorrent.

Le differenze rispetto Firefox non sono cosi’ profonde (condividono in fondo il stesso core, si può parlare quindi di un firefox pacchettizzato) ma è alquanto interessante vedere finalmente nella “Cartella della barra dei Segnalibri” (=Bookmarks Folder) non più i links ai vari Wikipedia o Enclopedia De Mauro (chi l’avrà mai visitato il sito?) bensi’ i collegamenti ai vari Digg, Ebay, Youtube, Flickr che sono di maggior interesse ad una persona che naviga sporadicamente su Internet.

Wyzo è l’esempio di come si riesca ad adattare un browser alle proprie esigenze. E’ creato per tutte quelle persone con scarse conoscenze di Informatica, la cui navigazione su Internet consiste solamente nel scaricare qualche file tramite Bittorrent oppure leggere le ultime News. Tramite Firetorrent, client bittorrent integrato in Wyzo, scaricare files diventa semplice e non occorre destreggiarsi in mille finestre di configurazione. Firetorrent si integra inoltre nella finestra dei download ed è veramente User Friendly.

Wyzo_Logo_by_soakedd

E’ difficile trovare ulteriori differenze rispetto a Firefox se non con Firetorrent, client Bittorrent perfettamente integrato in Wyzo sottoforma di estensione che entrerà in azione non appena si procede a scaricare files dai motori di ricerca Torrents. Qualche approdo potrebbero essere Isohunt, Torrentreactor o Torrent Meta Search Engines come TorrentFinder

Il lavoro di sviluppo di Wyzo e Firetorrent dovrà pur rendere qualche soldo. Appena installato è distribuito con l’estensione SearchStatus: diverse informazioni sulla navigazione vengono inviate ad Alexa. Questa “minaccia” alla privacy può essere disabilitata in qualsiasi momento disinstallando l’estensione. Ulteriori accorgimenti possono essere adottati con Firetorrent deselezionando “Allow Gathering of anonymous statistics”.

Considerazioni Finali.
Wyzo è un Firefox pacchettizzato da prendere o lasciare. Appena verrà rilasciato anche in Italiano sarà consigliato sicuramente a tutte quelle persone che hanno appena comprato un PC e desiderano avventurarsi nel mondo del peer to peer. Nel frattempo è un Browser da tenere sott’occhio.

Screenshots.




Download.

Se ti è piaciuto l’articolo , iscriviti al feed cliccando sull’immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

freeware&opensource icon feed rss

Read More…