Crea sito

Author Archive

avatar
0

Rilasciate le KDE Applications 18.08.0

Le KDE Applications 18.08.0 sono state rilasciate. Questo nuovo aggiornamento delle applicazioni di KDE comprende diverse migliorie e correzioni di bug.

La finestra delle impostazioni di Dolphin

Dolphin, il file manager di KDE, ha ricevuto vari miglioramenti di usabilità fra i quali:

  • Modernizzata la finestra di dialogo delle Impostazioni per seguire al meglio le linee guida di progettazione ed essere più intuitiva
  • Eliminate vari memory leak che potrebbero rallentare il computer
  • La voce del menu “Crea nuovo” non è più disponibile quando si visualizza il cestino
  • Dolphin si adatta ora meglio sugli schermi ad alta risoluzione
  • Il menu di scelta rapida include ora altre opzioni utili che consentono di ordinare e modificare direttamente la modalità di visualizzazione
  • L’ordinamento per ora di modifica è 12 volte più veloce

Konsole e la funzione Trova

Konsole, l’emulatore del terminale di KDE, ha ricevuto i seguenti miglioramenti:

  • Il widget “Trova” verrà ora visualizzato nella parte superiore della finestra senza interrompere il flusso di lavoro
  • È stato aggiunto il supporto per più sequenze di escape (DECSCUSR & XTerm Alternate Scroll Mode)
  • Ora puoi anche assegnare qualsiasi carattere come chiave per una scorciatoia

Gwenview

Gwenview, il visualizzatore e organizzatore di immagini di KDE, ha avuto i seguenti miglioramenti:

  • La barra di stato di Gwenview dispone di un contatore di immagini e visualizza il numero totale di immagini
  • Ora è possibile ordinare per valutazione e in ordine decrescente. L’ordinamento per data separa ora le directory e gli archivi ed è stato corretto
  • Il supporto per il trascinamento della selezione è stato migliorato per consentire il trascinamento di file e cartelle nella modalità di visualizzazione per visualizzarli, nonché il trascinamento di elementi visualizzati su applicazioni esterne.
  • Incollare le immagini copiate da Gwenview ora funziona anche per le applicazioni che accettano solo dati di immagine grezzi ma nessun percorso di file. Ora è supportata anche la copia di immagini modificate.
  • La finestra di dialogo Ridimensionamento immagine è stata revisionata per maggiore usabilità e per aggiungere un’opzione per il ridimensionamento delle immagini in base alla percentuale
  • Lo slider del tool riduzione occhi rossi e il puntatore del cursore sono stati corretti
  • La selezione dello sfondo trasparente ha ora l’opzione Nessuno e può essere configurata anche per immagini SVG
  • Miglioramenti vari nello zoom delle immagini
  • La modalità di confronto delle immagini ha ricevuto diversi miglioramenti
  • Sono stati introdotti una serie di piccoli miglioramenti per rendere il flusso di lavoro ancora più piacevole
Kontact
KMail, il potente client di posta elettronica di KDE, presenta alcuni miglioramenti nel motore di estrazione dei dati di viaggio. Supporta ora i codici a barre dei biglietti ferroviari UIC 918.3 e SNCF. e la ricerca della posizione delle stazioni ferroviare basate su Wikidata. È stato aggiunto il supporto per gli itinerari con più viaggiatori e KMail ora è integrato con l’appplicazione KDE Itinerary.
Akonadi, il framework di gestione delle informazioni personali, è ora più veloce grazie ai payload delle notifiche e offre il supporto XOAUTH per SMTP consentendo l’autenticazione nativa con Gmail.
Cantor, il frontend di KDE per il software matematico, ora salva lo stato dei pannelli (Variabili, Aiuto etc.) oer ogni sessione separatamente. Le sessioni di Julia sono diventate più veloci da creare.
L’esperienza utente di KAlgebra è stata notevolmente migliorata per i dispositivi touch.
Spectacle
Spectacle, il tool di KD per gli screenshot, ha ricevuto miglioramenti per la modalità di acquisizione Regione rettangolare con l’aggiunta di una lente di ingrandimento che aiuta a disegnare un rettangolo di selezione perfetto per i pixel, la possibilità di spostare e ridimensionare il rettangolo di selezione usando la tastiera e il miglioramento dell’interfaccia utente che ora segue lo schema di colori definito dall’utente.
Kamoso, il gestore per la webcam, è stato aggiornato per evitare arresti anomali con le nuove versioni di Gstreamer.

Read More…

avatar
0

Dropbox su Linux funzionerà solo su file system Ext4 a partire da Novembre 2018

In queste ore sta comparendo sui PC di diversi utenti Linux in tutto il mondo un avviso di Dropbox che recita:

Sposta posizione Dropbox
Dropbox interromperà la sincronizzazione in novembre

Il motivo di questo messaggio di avviso è stato chiarito dal team di Dropbox direttamente sul forum ufficiale:

Hi everyone, on Nov. 7, 2018, we’re ending support for Dropbox syncing to drives with certain uncommon file systems. The supported file systems are NTFS for Windows, HFS+ or APFS for Mac, and Ext4 for Linux.

We’ve updated our desktop requirements accordingly here.

A supported file system is required as Dropbox relies on extended attributes (X-attrs) to identify files in the Dropbox folder and keep them in sync. We will keep supporting only the most common file systems that support X-attrs, so we can ensure stability and a consistent experience.

If you received a notification, but are running one of the supported file systems, it’s possible that you may have recently had a computer linked that was running an unsupported file system but have been since upgraded, or that computer is no longer being used.

Hope this helps to clarify matters!

A partire dal 7 Novembre 2018 Dropbox interromperà il supporto alla sincronizzazione su hard disk formattati con file systems non comuni.
Gli unici file systems supportati saranno NTFS per Windows, HFS+ o APES per macOS e Ext4 per Linux.
Tutti gli utenti Linux che fanno uso di file systems alternativi come ad esempio Btrfs non potranno più continuare ad usare la sincronizzazione di Dropbox su tali hard disk e dovranno dunque spostare la cartella di Dropbox su hard disk formattati in Ext4.
La causa di questo passaggio forzato a Ext4 risiede nel fatto che Dropbox si basa su attributi estesi (X-attrs) per identificare i file nella cartella Dropbox e tenerli sincronizzati. Per garantire una migliore stabilità ed esperienza utente coerente Dropbox continuerà a supportare solo Ext4.
Per maggiori informazioni vi rimando al post sul forum di Dropbox e alla pagina con i nuovi requisiti minimi.

Read More…

avatar
0

Rilasciato LibreOffice 6.1, la nuova major relase delle famosa suite da ufficio libera e multi piattaforma

The Document Foundation ha annunciato il rilascio di LibreOffice 6.1, la seconda major release di LibreOffice del 2018.
Questa nuova versione di LibreOffice porta un numero significativo di nuove funzionalità e miglioramenti:

  • Colibre, un nuovo tema delle icone per Windows basato sulle linee guida Microsoft, che rende la suite per ufficio più gradevole – sotto il profilo visuale – per gli utenti che provengono dall’ambiente Microsoft;
  • Una funzionalità di gestione delle immagini completamente rinnovata, più agevole e veloce grazie a un nuovo motore grafico e a un migliore flusso, con alcuni vantaggi anche nell’importazione dei documenti dai formati proprietari Microsoft;
  • La riorganizzazione dei menù di Draw, con l’aggiunta di un nuovo menù Pagina, per una maggiore coerenza dell’esperienza utente tra i diversi moduli;
  • Un significativo miglioramento per Base, per il momento disponibile solo in modalità sperimentale: il motore per database HSQLDB è stato deprecato, pur essendo ancora disponibile, e il nuovo motore per database Firebird è diventato la scelta predefinita (gli utenti sono invitati a migrare i file usando il nuovo assistente per le migrazioni da HSQLDB a Firebird, o esportando i database su un server HSQLDB esterno);
  • Visibili miglioramenti a tutti i moduli di LibreOffice Online, con una serie di modifiche all’interfaccia utente, per renderla più gradevole e coerente rispetto alla versione desktop;
  • Un migliore filtro di esportazione EPUB, in termini di supporto di link, tabelle, immagini, embedded font e note a pié di pagina, con un maggior numero di opzioni per la personalizzazione dei metadati;
  • Le pagine di Online Help sono state arricchite con testi e file di esempio, per guidare gli utenti alla conoscenza delle funzionalità, e sono più facili da localizzare.
Le nuove funzionalità di LibreOffice 6.1 sono state sviluppate da una grande comunità di volontari: il 72% dei contributi provengono da dipendenti di aziende che fanno parte dell’Advisory Board come Collabora, Red Hat e CIB, e da altre organizzazioni come SIL e Pardus, e il 28% da contributi individuali.

Inoltre, c’è una enorme comunità di volontari indipendenti che si occupano di altre attività fondamentali come l’assicurazione della qualità, la localizzazione, l’interfaccia utente e la user experience, la produzione della documentazione e dell’online help, e la promozione del software libero e dei formati standard a livello locale.

Di seguito trovate un video che illustra le principali novità di LibreOffice 6.1:

Potete scaricare LibreOffice 6.1 per Windows, macOS e Linux all’indirizzo https://www.libreoffice.org/download/download/

Read More…

avatar
0

Simple Pro for Facebook & more aggiunge il supporto alla Chromecast per video e foto

Simple Pro for Facebook & more, il famoso wrapper per Facebook, Twitter, Instagram e Google+, si arricchisce di una nuova funzionalità ovvero il supporto alla Chromecast, sia per i video che per le foto di Facebook.
Simple Pro for Facebook & more diventa così il primo wrapper a fornire questa funzionalità.
Potete scaricare Simple Pro for Facebook & more su Google Play a questo indirizzo. L’applicazione ha un costo di 0,99 €.

A mio avviso è il miglior client alternativo per Facebook attualmente in circolazione.

Read More…

avatar
0

Ecco lo sfondo di default di Plasma 5.14. Aiutiamo l’autore a migliorarlo

Ken Vermette ha postato una preview di Cluster, il nuovo sfondo predefinito di Plasma 5.14.

Cluster, quello che forse (speriamo di no) sarà il nuovo sfondo predefinito di Plasma 5.14
Lo sfondo, realizzato con Krita e Inkscape, è attualmente work in progress ed è stata pubblicata questa anteprima per chiedere un parere alla comunità. Cosa ne pensate?
Potete postare suggerimenti e critiche sul thread di Reddit all’indirizzo https://www.reddit.com/r/kde/comments/90syno/plasma_514_wallpaper_cluster/
Da par mio trovo questo sfondo abbastanza bruttino, sopratutto per via della palette colori utilizzata che si distacca troppo dall’azzurro di KDE.

Read More…

avatar
0

Fedora ha bisogno di aiuto per continuare a supportare LXQt

Brutte notizie per gli amanti di Fedora LXQt che presto potrebbero rimanere orfani di distro.
Fedora LXQt rischia infatti di essere abbandonata se non si riescono a trovare nuovi packager per mantenere aggiornato LXQt su Fedora.
Già ora gli utenti Fedora LXQt avranno notato i primi problemi in quanto Fedora offre attualmente una versione datata di LXQt: attualmente nei repository di Fedora è presente la versione 0.11 mentre adesso siamo alla 0.13.
Fedora LXQt (immagine via Fedora)
Il problema è nato a seguito dell’abbandono del core packager che si occupava della maggior parte del lavoro di manutenzione dei pacchetti. A seguito di questo abbandono tutto il lavoro è passato nelle mani di un altro utente che però, per via degli studi, non è in grado di mantenere aggiornato il tutto. Da qui la decisione di chiedere aiuto alla comunità al fine di trovare qualche altro manutentore in grado di portare avanti il supporto a LXQt.
Se siete interessati a contribuire potete lasciare un commento sulla mailing list di Fedora.

Read More…

avatar
0

Con la nuova versione del Deepin Store non saranno più raccolte informazioni anonime dal sistema tramite il servizio CNZZ

Un mese fa in rete c’è stato un gran parlare di Deepin Linux ma non in senso positivo. Un utente aveva manifestato forti perplessità sul Deepin Store e sul suo codice. Deepin Store raccoglieva infatti delle informazioni anonime dalle installazioni di Deepin e lo faceva tramite il servizio CNZZ, un servizio simile a Google Analytiscs.

Le informazioni raccolte riguardavano cose come la versione del browser, la risoluzione dello schermo etc raccolte al fine di migliorare la distro.

Di seguito trovate un video che illustra come è stato scoperto il processo di raccolta dati.

A differenza di Ubuntu che chiede il consenso per queste informazioni (e le condivide anche con la comunità in totale trasparenza), il team di Deepin Linux non aveva avvisato gli utenti.
A seguito di questa scoperta molti utenti, specie quelli risiedenti fuori dalla Cina, avevano iniziato a storcere il naso considerando la distro inaffidabile dal punto di vista della privacy.
Per evitare ulteriori fraintendimenti il team di Deepin Linux ha deciso di ascoltare la comunità e ha rimosso le statistiche CNZZ da Deepin Store.

Read More…

avatar
0

Microsoft rilascia PowerShell Core sull’Ubuntu Snap Store

Microsoft ha annunciato il rilascio di PowerShell Core come pacchetto Snap sull’Ubuntu Snap Store.

PowerShell Core su Ubuntu

Per chi non lo sapesse PowerShell, noto inizialmente come Microsoft Shell o MSH (o col nome in codice Monad) e poi come Windows Shell è una shell caratterizzata dall’interfaccia a riga di comando (CLI) e da un linguaggio di scripting, sviluppata da Microsoft. È basato sulla programmazione a oggetti e sul framework Microsoft .NET.
Fino ad oggi si poteva installare PowerShell su Ubuntu tramite repository di terze parti, ora tutto sarà più semplice grazie al pacchetto Snap, installabile non solo su Ubuntu ma su tutte le distribuzioni che supportano Snap.

Come installare PowerShell su Ubuntu
Possiamo installare PowerShell su Ubuntu 16.04 LTS e versioni successive dando da terminale:

snap install powershell --classic

Una volta installato sarà possibile lanciare PowerShell da terminale dando:

pwsh

Come installare la versione in sviluppo di PowerShell su Ubuntu
Se volete provare la versione in sviluppo di PowerShell per testare in anteprima le novità prima che arrivino nel canale stabile vi basterà installare la preview dando da terminale:

snap install powershell-preview --classic

In questo caso potrete lanciare PowerShell Preview dando da terminale:
pwsh-preview


E i pacchetti tradizionali per le altre distribuzioni?
Se volete installare PowerShell Core su altre distribuzioni utilizzando i pacchetti specifici potete far riferimento al link packages.microsoft.com e alla pagina GitHub di PowerShell.”"

Read More…

avatar
0

Lubuntu cerca aiuto per mantenere le ISO i386 a 32-bit

Lubuntu, la distro più leggera fra le derivate ufficiali di Ubuntu, per non fare la stessa fine, ha ufficialmente chiesto agli utenti che ancora utilizzano la versione a 32-bit di collaborare al test QA delle ISO che precede il rilascio delle ISO finali.
Il team di Lubuntu continuerà a supportare le immagini i386 a 32-bit solo se ci saranno adeguati test e non ci saranno bug bloccanti. Il futuro della versione a 32-bit è dunque in mano alla comunità e ai volenterosi pronti a contribuire attivamente al test della distro.

Read More…

avatar
0

KDE neon: Testiamo l’avanzamento di versione a Bionic (only the brave)

Siete utenti di KDE neon e volete contribuire testando la procedura d’aggiornamento a Bionic? Questo è il momento di farvi avanti.
Il team di KDE neon ha pubblicato una piccola guida che illustra come testare in anteprima l’avanzamento di versione da Xenial (Ubuntu 16.04 LTS) a Bionic (Ubuntu 18.04 LTS).
Prima di procedere è bene ricordarvi che la procedura è in testing e dunque potrebbero sorgere alcuni problemi in questa fase quindi testate solo se sapete cosa fare in caso di problemi.
Altra cosa importante da sottolineare è che con questa procedura ci sposteremo dal ramo stabile di KDE neon al ramo Developer Edition.
Per il bene della scienza (e per soddisfare la mia aggiornite) ho provveduto a testare la procedura sul mio computer con una installazione pulita di KDE neon.
Vediamo dunque come fare.

Aggiornare il sistema
Verificate di aver installato tutti gli aggiornamenti disponibili. Potete aggiornare sia con Discover che da terminale dando

pkcon refresh && pkcon update

Modificare il file update-manager
Ora non ci resta che modificare il file meta-release. Da terminale diamo

sudo nano /etc/update-manager/meta-release

Si aprirà il file meta-release

Il file meta-release da modificare

Qui dobbiamo modifcare entrambe le voci releases.neon.kde.org con metadata.neon.kde.org/changelogs/ ottenendo questo risultato

Il tile meta-relase dopo le nostre modifiche

Salviamo il file appena modificato e chiudiamo il tutto.

Riavviamo la sessione
Riavviamo ora la sessione effettuando un Chiudi sessione.

Rilogghiamoci e aggiorniamo
Ora effettuiamo nuovamente il login. All’avvio ci comparirà, in basso a destra, la notifica di disponibilità dell’aggiornamento di sistema

Clicchiamo su Upgrade e seguiamo le istruzioni a video che compariranno durante l’aggiornamento

Cominciamo l’aggiornamento

Il tool di aggiornamento prepara il sistema per l’avanzamento di versione

Confermiamo l’aggiornamento e aspettiamo
Una volta completato riavviamo

Nel mio caso ci sono volute un paio di ore per l’installazione dell’update ma dovete considerare che il mio PC non è più giovane.

Al riavvio avremo KDE neon basato su Ubuntu 18.04 LTS sul ramo Developer Edition.

Alcune considerazioni
Come vi ho già detto ad inizio post la procedura è sperimentale. Dopo l’update ho trovato alcuni problemi come la mancata associazione di Chrome come browser predefinito e qualche altra cosa qua e la come l’impossibilità (ma ci sto lavorando) di aggiungere repository esterni tramite terminale (alla fine potete momentaneamente risolvere alla vecchia maniera).”"

Read More…

avatar
0

Firefox scende sotto Internet Explorer a Maggio 2018

NetMarketShare ha da poco pubblicato le statistiche di diffusione dei browser internet desktop per il mese di Maggio 2018.

Scorrendo la classifica quello che subito balza agli occhi è la caduta di Firefox che si piazza terzo in classifica, al di sotto (seppur di poco) di Internet Explorer, con una percentuale inferiore al 10 %.

  1. Chrome 62.85%
  2. Internet Explorer 11.82%
  3. Firefox 9.92%
  4. Edge 4.26%
  5. Safari 3.71%
  6. QQ 1.67%
  7. Sogou Explorer 1.55%
  8. Opera 1.47%
  9. UC Browser 0.75%
  10. Yandex 0.58%

Il risultato è davvero preoccupante, specie se si considera che negli ultimi 12 mesi Firefox ha avuto una tendenza al ribasso.
Voi cosa ne pensate?”"

Read More…

avatar
0

Microsoft compra GitHub per 7,5 miliardi di dollari (in azioni Microsoft)

Amici e sostenitori del software libero e open source state pronti a dividervi e a litigare per i prossimi anni.

Microsoft ha annunciato l’acquisto di GitHub, la popolare piattaforma di hosting usata da milioni di sviluppatori in tutto il mondo per caricare, condividere e migliorare i propri software open source.

Il costo dell’operazione è di ben 7.5 miliardi di dollari che verranno corrisposte in azioni Microsoft. L’operazione di acquisizione dovrebbe chiudersi entro la fine del 2018.

GitHub attualmente può vantare ben 80 milioni di repository con 27 milioni di developers attivi in tutto il mondo. Oltre a sviluppatori indipendenti, GitHub è usato anche da moltissime aziende dell’IT come Google, Apple, Microsoft, NASA, Facebook, Twitter, NodeJS, Ruby Rails, Jetbrains, Jquery, e Tesla.
Secondo molti analisti, la scelta di Microsoft di comprare GitHub, ha sede nella mentalità aperta al mondo open source di Nadella. Secondo altri si tratta della vecchia strategia Abbraccia, estendi ed estingui di Microsoft.
Quale sarà la verità?”"

Read More…

avatar
0

Linux Mint 19: La Beta uscirà il 4 Giugno, versione stabile alla fine di Giugno

Clément Lefèbvre ha fatto chiarezza sul piano di rilascio di Linux Mint 19.

Tutte e tre le edizioni di Linux Mint 19 (Cinnamon, MATE, Xfce) sono attualmente nella fase di QA. I vari bugs che sono stati trovati sono stati corretti. Il rilascio della Beta di Linux Mint 19 è previsto per Lunedì 4 Giugno 2018.

La fase Beta sarà più lunga del solito in quanto il rilascio della versione stabile avverrà soltanto a fine mese di Giugno. Le novità sotto al cofano sono diverse:

  • Molto del codice è stato portato a python3
  • gksu è stato rimosso e sostituito con pkexec
  • MATE adesso supporta l’HiDPI automaticamente
  • Il nuovo theme engine è basato sulle GTK 3.22 che è molto differente rispetto alle GTK 3.18 usate sulla precedente release. Questo ha causato diversi problemi con il tema Mint-X e per questo il team ha deciso di passare a Mint-Y e il suo nuovo set di icone.
  • All 3 editions of Linux Mint 19 (Cinnamon, MATE, Xfce) are currently in QA. The various bugs which were found were fixed and we’re expecting them to pass QA tomorrow. We’re planning the BETA release for Monday the 4th.

Read More…

avatar
0

Rilasciato LXQt 0.13.0

Il team di LXQt ha annunciato il rilascio di LXQt 0.13.0, la nuova versione del desktop environment leggero basato sulle Qt.
Questa nuova versione porta con se le seguenti novità:

  • Tutti i pacchetti sono pronti per le Qt 5.11.
  • Le out-of-source-builds sono ora obbligatorie.
  • libfm-qt è stato rese più autosufficiente e meno dipendente da libfm, con conseguente miglioramento delle prestazioni e maggiore flessibilità.
  • qps e screengrab sono state spostate sotto LXQt.
  • Miglioramento delle traduzioni.
  • menu-cached reso opzionale (di default è ora impostato su off) nel pannello e in runner per prevenire prevenire memory leaks ed evitare problemi quando si riavvia o si spegne LXQt.
  • Migliorato LXQtCompilerSettings.
  • Le impostazioni predefinite di configurazione sono ora spostate in /usr/share/lxqt, è possibile inserire degli ovverride della distribuzione in /etc/lxqt

Vi ricordo che LXQt sarà il desktop environment di defautlt di Lubuntu 18.10, la cui uscita è programmata per Ottobre 2018.

Read More…

avatar
0

La mia intervista per la trasmissione RADIOLINUX di RadiostART (2)

Negli scorsi giorni ho avuto il piacere di essere nuovamente intervistato per la trasmissione RADIOLINUX in onda su RadiostART una web radio italiana (la prima intervista la trovate a questo indirizzo).

RADIOLINUX, come lascia intendere il nome, è una trasmissione dedicata al mondo GNU/Linux.
Buon ascolto e mi raccomando, seguite la trasmissione che è davvero interessante.

Ecco il link alla puntata https://www.radiostart.it/blog/podcast/radiolinux-puntata-25/

RADIOLINUX Puntata 25

Read More…